Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

La Battaglia sul Tetto

sul_tetto_di_montecitorio

 

La riforma dell'art. 138 della Costituzione è stato un tentativo del governo Letta di modificare la Costituzione in piena estate, con soli 55 minuti di discussione in Commissione, senza considerare il parere dell'aula di Montecitorio e di Palazzo Madama.

Il disegno era chiaro: "delocalizzare" il percorso delle riforme a favore di un comitato di non eletti, l'ennesima commissione dei saggi che nelle segrete stanze avrebbe dovuto cambiare la nostra carta costituzionale. Invece di ascoltarci, il governo Letta cercò di rassicurarci dicendoci che saremmo stati rappresentati nel Comitato.

Ma a noi non serviva un contentino, una poltroncina di minoranza nel costituendo comitato. Non ci serviva un'altra foglia di fico. Così abbiamo fatto le barricate in aula e siamo saliti sul tetto di Montecitorio.

E senza di noi...